fbpx
Benvenuto su SitoWebLive

Ciao e benvenuto in questa parte del corso, dove capiremo cosa è meglio scrivere in un sito web e cosa in realtà non ha grande rilevanza.

ERRORI DEI SITI WEB

Partiamo da l’errore principale che tutti quanti commettono nel momento in cui decidono di farsi creare un sito web e quindi di inserire delle argomentazioni che possono, anzi dovrebbero attrarre i potenziali clienti, e farli diventare clienti.

Il 95% dei siti web presenti nella rete non sono altro che vetrine alquanto inutili, perché in realtà non rispondono in maniera rilevante alle esigenze degli utenti visitatori.

Cerco di spiegarmi meglio in maniera tale che tu non possa compiere questo errore devastante.

Quando parliamo di sito vetrina, parliamo esattamente di un luogo nel web dove un utente atterra, e tradizionalmente incontra pagine statiche, magari non aggiornate da diversi anni, con la solita immagine del capannone, piuttosto che del luogo fisico dove è situata l’azienda, immagini di alcuni macchinari, la pagina con su scritto chi siamo, dove si racconta la storia del nonno che ha iniziato questa attività, piuttosto che pagine con la mission.

Ma poi mission che cosa sarebbe in realtà?

Per molti, anzi quasi per tutti, è la possibilità di elogiare se stessi, la propria azienda ed i propri prodotti, dicendo frasi come:

  • “da sempre al servizio del cliente”
  • “ottimo rapporto qualità-prezzo”
  • “il cliente prima di tutto”
  • “tradizione e qualità”
  • “tradizione ed innovazione”

e bla bla bla tutta una serie di frasi inutili che troviamo ovunque e che non sortiscono più nessun effetto, perchè non dicono nulla di concreto e che non aiutano il visitatore a fare una vera scelta.

A queste pagine vanno poi aggiunte quella dei contatti, e qualche sterile tentativo di raccogliere informazioni dagli utenti che ci hanno per errore incrociati.

Bene devi sapere che siamo nel 2017 e questa roba è veramente qualcosa che non serve assolutamente a nulla; piuttosto non fa altro che rendere l’immagine della tua azienda o della tua attività o della tua professione del tutto vecchia e passata di moda.

Se hai un sito attualmente di questo genere il mio consiglio di cuore è quello di nasconderlo e non farlo trovare a nessuno, perchè ci stai praticamente perdendo d’immagine e credibilità.

COSA DEVE ESSERCI IN UN SITO WEB CHE PORTA CLIENTI

Quello che un sito invece deve fare oggi è semplicemente una:

“FORMARE GLI UTENTI E TRASFORMARLI IN CLIENTI”

Per fare questo ha bisogno di alcuni requisiti importanti, che sono semplici nel comprendere, ma allo stesso tempo difficili da applicare.

Se parlo di difficoltà non mi riferisco tanto alla difficoltà produttiva, ma alla difficoltà di far cambiare modo di intendere un sito web al suo proprietario.

Se si pensa che con una bella presentazione di un’azienda via web, si hanno possibilità di trovare clienti, stiamo partendo male.

Per rendere un sito efficace nella trasformazione di utenti in clienti bisogna fare questo:

  • Inserire costantemente contenuti di valore
  • Creare una vera e propria trattativa di vendita scritta o video, esattamente come quelle che facciamo di persona
  • Interagire con i propri utenti

Questi 3 requisiti sono la base per pensare di avere successo grazie al web.

Senza questi fattori, scordati di attrarre clienti verso la tua azienda.

Andiamo adesso ad analizzare i 3 requisiti in maniera più approfondita.

 

INSERIRE COSTANTEMENTE CONTENUTI DI VALORE

Proviamo adesso a metterci nei panni di un utente che sta navigando su internet.

Se mi trovo davanti la casella di ricerca di Google, nella mia testa ho già in mente qualcosa che devo ricercare, altrimenti quella maledetta casella a me non interessa.

Piuttosto sto cazzeggiando su un social, o sto giocando a qualche videogame.

Essere d’avanti a quella casella significa che cerco informazioni.

Il 90% delle ricerche che facciamo, sono ricerche di carattere informativo.

A noi come a tutti gli utenti del web interessa saperne di più, conoscere i segreti, comprendere un argomento, non sicuramente cercare pubblicità.

Se ho un problema, io cerco una soluzione, non una pubblicità.

Se devo sapere come si utilizza un programma, io voglio sapere i suoi segreti e non beccarmi una pubblicità.

Se devo fare una ricerca con mio figlio, io voglio comprendere un argomento, non certo voglio una pubblicità.

Se il mio sito web è sfacciatamente un sito pubblicitario, io non creo interesse, anzi la gente lo scansa, a meno che non abbiano un’urgenza talmente alta che devono necessariamente fare un acquisto.

In questo caso sono di fronte ad un utente che molto probabilmente cerca il miglior prezzo, e se tu non hai questo requisito (che ti sconsiglio di avere se non sei arcimilionario, o il leader del tuo settore), molto probabilmente non riuscirai lo stesso a convertire il visitatore in cliente.

Come posso quindi costruire un sito che crei interesse??

Semplicemente trattando argomenti che:

  • risolvano problemi
  • svelino i segreti
  • migliorino la conoscenza
  • migliorino alcuni aspetti della vita dell’utente

Sulla base di questi 4 elementi, devo costruire tutta la mia comunicazione online.

Tutto ciò che inserisco nel sito web oltre questo, non sarà di rilevante importanza.

 

CREARE UNA VERA E PROPRIA TRATTATIVA DI VENDITA SCRITTA O VIDEO, ESATTAMENTE COME QUELLE CHE FACCIAMO DI PERSONA

Quello che tutti dimenticano quando si fanno creare un sito, piuttosto che lo creano da soli, è che il sito web parlerà di noi e cercherà di convincere il visitatore a diventare un nostro cliente.

Voglio farti un esempio semplice per comprendere per bene questo passaggio.

Facciamo il caso tu abbia una rivendita di pitture, (questo è un esempio che vale per tutte le attività esistenti e non solo per le pitture) e ti entra un potenziale cliente in azienda che vuole risolvere il problema della muffa in casa.

Suppongo che tu, o chi per te, ascolti il problema della persona e cerchi di indirizzarlo verso un prodotto che risolva il problema, seguendo una trattava logica e specifica sul problema da risolvere.

Cerchi di essere convincente, magari senza esagerare troppo con esclamazioni che facciano pensare ad un esaltato, e molto probabilmente metti in paragone i tuoi prodotti con quelli dei tuoi competitor (dal vivo lo fai solo perchè non ti ascolta nessuno, e quindi sembra una conversazione tra amici, in realtà è uno dei pilastri su cui fondare la propria comunicazione online), esaltando i difetti della concorrenza, e spingendo sulla soluzione tua, che è esattamente quello che adesso va bene al tuo potenziale cliente.

Alla fine, se sei stato bravo, e soprattutto il cliente era un cliente in target, la spunti con un contratto.

Quello di sicuro che non fai, quando ti arriva un nuovo cliente con un problema di muffa, è di accoglierlo portandolo in giro per l’azienda a fargli vedere il tuo gran bel capannone, raccontandogli la storia di tuo nonno che è partito da una rimessa nella zona periferica del paese, facendogli vedere le foto di te quando eri piccolo e giocavi per l’azienda, e spiegando che ci sei nato in questo settore, e magari poi per finire, gli racconti tutta una serie di cazzate di quanto siete bravi nel servizio che offrite.

Semplicemente questo sarebbe davvero assurdo vederlo fare realmente, ma purtroppo è quello che accade nel 95% dei siti web, pensando che il web sia una cosa differente.

E no amico mio, questa è la più grande fesseria che sia mai stata detta e pensata.

IL WEB E’ REALTA’ AL 100%

Ora mi chiedo:

“ma con quale criterio, o logica pecorina, puoi commissionare un sito del genere??”

Detto questo e avendoti fatto comprendere questa piccola differenza, possiamo asserire che in un sito web deve essere presente la trattativa o le trattative che tu fai dal vivo.

Le puoi sviluppare scritte o le puoi sviluppare video, a te la scelta, ma comunque non può prescindere da questo.

Se vuoi puoi anche raccontare la storia, far vedere il capannone ecc ecc, ma non di sicuro sono le basi di un sito web, al massimo servono solo di contorno.

 

INTERAGIRE CON I PROPRI UTENTI

Difetto molto presente nei siti web, è la mancanza di interazione con i visitatori.

Tornando al punto precedente, se un potenziale cliente viene da noi in azienda, non lo lasciamo mica da solo e stiamo muti!!!

Nel web purtroppo si.

Nel web esistono diverse forme di interazione, e non tutte sono visibili platealmente.

Mi spiego meglio.

Avere la possibilità di scrivere commenti, fare domande, chiedere informazioni. è la parte a vista dell’interazione, fondamentale almeno quanto quella non visibile.

Nell’interazione visibile, è fondamentale far sentire la propria presenza nel minor arco di tempo possibile.

Più la nostra risposta è veloce (minuti) più la navigazione da parte del nostro utente sul nostro sito sarà apprezzata.

Se ci scrive una email noi rispondiamo subito, se non possiamo, scriviamo semplicemente ed in modo cortese, che in questo non possiamo rispondere, ma che sarà la prima cosa che faremo appena ci liberiamo.

Non ricevere risposta, porta l’utente a considerarci inaffidabili.

Pensaci, e se è successo a te, potrai solo darmi conferma.

Vediamo adesso l’interazione invisibile.

Cos’è l’interazione invisibile?

Si suppone che se hai un’attività, hai anche ben chiaro quale sia il comportamento più o meno standard dei tuoi clienti, e quindi sai che in alcune situazioni vanno fatte delle precisazioni, spiegati altri argomenti ecc ecc.

Quando un visitatore atterra sul nostro sito, va condotto mano nella mano, specialmente se il nostro sito è un vero e proprio blog.

Frasi tipo:

  • se vuoi puoi approfondire questo argomento, cliccando qui…..
  • probabilmente se non ti è ben chiaro questo concetto puoi leggere questo articolo cliccando qui….

sono frasi che accompagnano di nascosto un cliente, per fargli vivere un’esperienza di navigazione migliore e fargli comprendere che noi conosciamo i suoi problemi e sappiamo come aiutarlo.

Questo tipo di interazione è anche fondamentale in termini di SEO (per SEO si intendono, nel linguaggio di internet, tutte quelle attività volte a migliorare la visibilità di un sito web sui motori di ricerca).

Del resto è esattamente come condurre un cliente all’interno di un negozio o azienda fisica.

 

Bene, in questa parte abbiamo compreso quello che sono i 3 requisiti fondamentali che servono per scrivere un sito web.

Adesso ci vediamo nel prossimo capitolo dove affronteremo il social network FACEBOOK 

 

commenta con facebook
Chiudi il menu
WhatsApp chat